Menu

La mostra Nella forma e Nella materia


“Un secolo di scultura mantovana, oltre settanta artisti interpreti del proprio tempo nella pianura e all’estero. Un racconto di ieri e di oggi, una mostra che riporta tutti a casa”. L’esposizione, che presenterà oltre settanta artisti attivi dall’inizio del XX secolo sino ai giorni nostri, è curata dalla storica dell’arte Paola Artoni e articolata in sei sezioni: nella prima sezione si esploreranno le eredità della scultura ottocentesca, con lo studio della figura. Nella seconda si dispiegheranno le declinazioni del fantastico, con esplorazioni che vanno dal dadaismo al surrealismo La terza sezione affronterà la tematica della scultura come espressione del sacro. La quarta sarà invece dedicata ai docenti, del passato e del presente, impegnati a Mantova nell’insegnamento delle arti plastiche. La quinta sezione verrà riservata ad Arte sull’acqua, ovvero un tributo ai diciotto anni di attività dell’Associazione Non Capovolgere nel segno della land art al femminile documentati in mostra da un video Arte sul Rio. Chiuderà la rassegna il capitolo dei Cosmopoliti, ovvero degli artisti mantovani che sono stati e sono protagonisti degli scenari internazionali. È inoltre previsto un capitolo “fuori mostra” o “mostra diffusa”, ovvero la proposta di un itinerario di valorizzazione delle sculture urbane, tra parchi, giardini e cimitero monumentale.

Nuove generazioni: da fruitori passivi ad una dimensione attiva e coinvolgente in cui pensare, allestire e raccontare l’evento da un punto di vista originale. Un progetto di collaborazione con protagonisti gli studenti del Liceo Artistico G.Romano (Mn), del Liceo Classico “Virgilio” e dell’Istituto Tecnico “E. Fermi” che nei mesi precedenti all’inizio della mostra hanno catalogato le opere, creato supporti tecnologici, ideato i concept grafici e sperimentato la riproduzione di sculture con stampanti 3D. Una mostra a cura di Paola Artoni. Progetto promosso da Manto Circular Lab con il coinvolgimento degli studenti del Liceo Artistico “Giulio Romano”, del Liceo Classico “Virgilio” e dell’Istituto Superiore “Enrico Fermi” di Mantova. Con il sostegno di Fondazione Comunità Mantovana onlus - Bando Cultura, arte, ambiente 2021. Con il Patrocinio di Provincia di Mantova e Comune di Mantova.

ARTISTI: Aldo Andreani (1887-1971), Stefano Arienti (1961), Enrico Baldassari (1887-1966), Claudio Baroni (1946), Franco Bassignani (1942-2022), Aldo Bergonzoni (1899-1976), Giovanni Bernardelli (1911-2000), Carlo Bertolini (1922-2019), Pietro Beschi (1907-1979), Nicola Biondani (1976), Romano Boccadoro (1958), Ferruccio Bolognesi (1924–2002), Carlo Bonfa (1944-2022), Mario Brozzi (1937-2011), Massimo Brotto (1968), Roberta Busato (1976), Fira Cadoria (1916-2017), Ferdinando Capisani (1947), Evandro Carpeggiani (1914-1999), Paolo Cavinato (1975), Carlo Cerati (1865-1948), Claudio Cermaria (1942-2014), Pompeo Coppini (1870-1957), Mario Dall’Acqua (1931-2017), Francesco Dalmaschio (1948-2019), Raffaele Darra (1973), ALDO FALCHI (1935-2020), Lanfranco Frigeri (1920-2019), Mauro Frigeri (prima metà XX sec.), Giorgio Gabrielli (1968), Luca Gemma (1961), Giuseppe Gorni (1894-1975), Andrea Jori (1953), Italo Lanfredini (1948), Studenti del corso di Cesare Lazzarini, Clinio Lorenzetti (1908-1931), Renzo Margonari (1937), Francesco Martani (1933-2016), Giuseppe Menozzi (1895-1976), Alfonso Monfardini (1887-1965), Ezio Mutti (1906-1987), Enzo Nenci (1903-1972), Vindizio Nodari Pesenti (1878-1961), Aurelio Nordera (1933-2012), Vincenzo Paonessaart (1970), Dina Pastore (1898-1958), Roberto Pedrazzoli (1942), Massimo Pisani (1958), Ermanno Poletti (1973), Denis Raccanelli (1951), Aldo Rossi (1930-2017), Selvino Sabbadini (1912-1986), Gino Salvarani (1936), Pietro Sanguanini (1974), Amedeo Savioli (1946-2015), Albano Seguri (1913-2001), Afro Somenzari (1955), Renzo Schirolli (1934-2000), Aurora Troletti (1993), Gianluigi Troletti (1955-2009), Luca Zampriolo (1975), Alberto Viani (1906-1989), Studenti del Liceo.